Seleziona una pagina

Dic 22, 2023 | psico-arte | 0 commenti

Recensione al romanzo “Lacci” di Domenico Starnone

psico-arte | 0 commenti

logo nonsolopsicologia.it nero

Written by Redazione

In

“Lacci” di Domenico Starnone è un romanzo profondamente incisivo che esplora la complessità dei legami familiari e i nodi irrisolti che spesso definiscono le relazioni più intime. Pubblicato nel 2014, è stato lodato per la sua esplorazione acuta delle dinamiche familiari.

Trama e Ambientazione

Il romanzo si apre con una lettera straziante scritta da Vanda, la protagonista femminile, al marito Aldo, che l’ha lasciata per un’altra donna. Ambientato a Napoli, il racconto si snoda attraverso decenni, esplorando il dolore, il tradimento e le conseguenze delle azioni di Aldo sulla sua famiglia. La storia si dipana in tre parti, ciascuna offrendo una prospettiva diversa sulle stesse vicende, portando il lettore a riconsiderare continuamente giudizi e simpatie.

Personaggi 

Il punto di forza di Starnone è la sua abilità nel delineare personaggi complessi e sfaccettati. Aldo, Vanda e i loro due figli, Anna e Sandro, sono ritratti con una profondità psicologica impressionante. Aldo, in particolare, emerge come una figura sfuggente e contraddittoria, incapace di affrontare le conseguenze delle sue scelte. Vanda, con la sua rabbia e dolore, offre un contrasto emotivo forte, mentre i figli rappresentano le vittime silenziose delle tensioni familiari.

Stile e Struttura

Lo stile di Starnone è diretto ma ricco di sfumature. Il libro è strutturato in modo non lineare, una scelta che accentua il tema della memoria e della percezione soggettiva. La narrazione si alterna tra lettere, dialoghi interni e narrazione in terza persona, creando un tessuto narrativo denso e coinvolgente. Questa struttura permette al lettore di immergersi completamente nelle diverse prospettive dei personaggi, rendendo il romanzo un’esperienza emotivamente intensa.

domenico starnone

Temi

“Lacci” si concentra su temi universali come il matrimonio, la fedeltà, il tradimento e le ripercussioni emotive delle scelte personali. Il libro esplora anche il concetto di memoria e come questa possa essere manipolata o alterata dal tempo e dalla prospettiva personale. Il titolo stesso, “Lacci”, simboleggia le complesse connessioni emotive che legano una famiglia insieme, nonostante le ferite e i conflitti.

Conclusione e Impatto Emotivo

In conclusione, “Lacci” è un’opera magistralmente scritta che affronta con sensibilità e acutezza le sfide e i dolori delle relazioni familiari. La sua esplorazione emotiva profonda lascia un’impressione duratura, rendendo questo libro un’aggiunta significativa alla letteratura contemporanea italiana.

Questa recensione offre un’analisi dettagliata di “Lacci”, evidenziando la maestria di Domenico Starnone nell’esplorare le complessità dell’animo umano e le dinamiche familiari.

Ultimi Articoli

Articoli

Links

 

Seguici

Contattaci

5 + 8 =