Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Ricerca

La psiche è un caleidoscopio.

 

Dott.ssa Giorgia Aloisio

 

 

Immagine interna di un caleidoscopio.


Per quanto la medicina e la psicologia ci abbiano insegnato a catalogare e raggruppare il disagio secondo alcuni segni e sintomi più o meno precisi e distinguibili, resta un elemento ineliminabile nella cura del paziente: la sua unicità, il suo essere ‘in-dividuo’ (quindi, etimologicamente: ‘che non si può dividere’), il suo rappresentarci un universo a parte, originale e nuovo. Anche la modalità con la quale una persona si presenta in consultazione, per la prima volta, rivela la sua personalità in modo inimitabile: spesso, anzi, è proprio questa prima impressione quella che più colpisce e resta scolpita nella mente di noi terapeuti.

Nella maggioranza dei casi, il primo colloquio genera nelle persone una certa dose di ansia: questo è normale, un terapeuta capace e con una discreta esperienza conosce l’importanza di questo primo passo e sa empatizzare con il paziente, al fine di metterlo a proprio agio. Aprirsi, così, all’improvviso, ad un terapeuta sconosciuto, dopo magari una vita trascorsa all’asciutto da psicologia e introspezione, non è un gioco da ragazzi e ogni persona ha bisogno dei propri tempi per sentirsi serena, libera di mostrare il proprio mondo interiore senza paura di essere giudicata o fraintesa.

 

L'immagine di un mandala, simbolo della cultura Veda, utilizzato anche nella riflessione junghiana: rimanda al concetto di 'inconscio collettivo' e al processo di individuazione.

 

Ci sono persone che approcciano la consulenza psicologica ‘in punta di piedi’, quasi sussurrando certe frasi a tal punto che il terapeuta rischia di non sentire acusticamente alcune parole … E’ importante ricordarsi che il colloquio con uno specialista non è un soliloquio ma un dialogo a due, nel quale il paziente può farsi spazio ed essere se stesso: nessuna offesa, quindi, se lo psicologo si permette di chiedere al paziente di ripetere alcune parole o di aumentare il volume della voce, in modo da facilitare l’accesso al mondo psicologico dell’altro.
Altri pazienti, al primo colloquio, tra l’ansia dell’ignoto e il carico di conflitti da tempo accumulati, esplodono in un pianto irrefrenabile ma liberatorio: spesso alcuni, dopo il primo incontro, riportano sensazioni di ‘catarsi’ miste a grande stanchezza che, talora, sfociano in un buon sonno ristoratore.

 

Immagine tratta da deviantart.com (@ The-Meeg)


Altri ancora, abituati a combattere e controbattere a tutto e a tutti, affrontano il primo colloquio psicodiagnostico come se fossero ‘in trincea’: affilano i coltelli, le unghie e si mettono in posizione difensiva, rifiutando magari alcune chiarificazioni o cercando di eludere le domande della psicologa. Naturalmente, in questi casi, è sempre bene ricordare che la psicoterapia deve essere scelta in modo libero e responsabile: è fondamentale non sentirsi 'obbligati' ad intraprendere questo percorso e se non ci si sente davvero convinti è meglio lasciar stare. Si tratta di un modo per risolvere problemi, non per crearne di nuovi! 
Esistono infiniti modi di affrontare una consulenza psicologica e ogni paziente, per noi terapeuti, rappresenta in ogni caso una fonte di arricchimento: mai dimenticare che, al di là di quello che per convenzione definiamo ‘paziente’ c’è la persona, con la sua storia di vita, le sue relazioni, le difficoltà per le quali è venuta al colloquio e i suoi punti di forza che vanno rilevati e senza dubbio valorizzati.

 

Inseguendo una libellula in un prato

un giorno che avevo rotto col passato

quando già credevo d'esserci riuscito

son caduto.

 

Lucio Battisti

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito