Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Ricerca

Amore, mal d’amore o dipendenza affettiva?

Dott.ssa Silvia Ferretti

 

«Lo amo da morire», «lo amo più della mia stessa vita». Chi di noi non ha sentito queste frasi almeno un centinaio di volte? Ma è vero che si può morire d’amore? È possibile amare così tanto fino a dipendere da una persona come fosse una droga?
Un tempo i francesi parlavano di amour fou (amore folle), oggi gli anglosassoni parlano di love addiction, ma una cosa è certa: quando l’amore diventa ossessione che procura malessere piuttosto che benessere e serenità, non possiamo più parlare d’amore ma di ‘dipendenza affettiva’.
Nella fase iniziale di una relazione affettiva, durante l’innamoramento, una quota di dipendenza e fusione sono assolutamente normali: estremo coinvolgimento, i pensieri sono tutti rivolti al partner con il quale si desidererebbe trascorrere più tempo possibile. Ma con lo stabilizzarsi del rapporto, questa ‘normale dipendenza’ dovrebbe tendere, naturalmente, a diminuire. Una relazione equilibrata, infatti, è basata sulla reciprocità dove amare ed essere amati viaggiano sullo stesso binario. Amare significa riconoscere l’altro, la sua identità, riconoscerne e rispettarne gli spazi, le distanze e i confini. L’amore è, sì, fondato sulla generosità e l’altruismo, ma dovrebbe essere anche ‘sanamente egoistico’.

 

 

Nella dipendenza affettiva questo bisogno di fusionalità non si attenua ma, al contrario, si esaspera, fino a raggiungere livelli così estremi da diventare patologici. Gabbard (1995) ha ben descritto le principali caratteristiche di una persona con dipendenza affettiva: essa non è in grado di prendere decisioni in modo autonomo, ha un atteggiamento di sottomissione verso gli altri, ha continuo bisogno di rassicurazioni e necessita della presenza di persone che si prendano costantemente cura di lei. In genere si tratta di persone inibite, che vivono nel terrore di essere abbandonate e, nel momento in cui una relazione significativa finisce, si sentono letteralmente ‘perse’, provando disagio e paura di fronte alla sola idea di stare sole. Sono talmente ‘affamate d’amore’, che per farsi voler bene sono disposte anche ad accettare situazioni spiacevoli, umilianti e per chiunque intollerabili (Lingiardi, 2005). Secondo un Rapporto dell’Istat (2007), tra gli episodi di varie forme di violenza sulle donne, il 67, 7% accade per responsabilità di mariti, conviventi o fidanzati. Queste violenze, secondo l’indagine, rimangono voci silenziose, soffocate e spaventate, resta infatti non denunciato il 93% delle violenze subite da un partner. Dato altrettanto preoccupante è che il 33% di queste donne addirittura non parla con nessuno della violenza subita.
Chi è, dunque, il dipendente affettivo?

 

 

È una persona che non è libera di amare l’altro per ciò che è realmente e che allo stesso tempo non riesce a farsi amare per le sue peculiarità, per la sua natura. Ama e si lega all’altro per paura, paura di non essere degno d’amore, di essere ignorata, restare sola o essere abbandonata. Così, finisce per soffocare ogni interesse, bisogno, desiderio, rapporto con gli altri, dedicandosi completamente al partner che diventa l’unico scopo della sua esistenza e, con il tempo, della sua identità.
Come già accennato, una delle caratteristiche di una persona con dipendenza affettiva dal partner è proprio la difficoltà a riconoscere i propri bisogni, mentre tutte le sue energie sono convogliate nei bisogni e problemi dell’altro. Alla luce di ciò, non è un caso che, generalmente, questa tipologia di persone vada spesso ad incastrarsi in relazioni con partner problematici, a volte anche portatori di altri tipi di dipendenza (alcool, sostanze, fenomeni di gambling…). Nell’aiutare il partner in difficoltà, vengono, infatti, negati i propri bisogni, perché il disagio dell’altro sembra occupare molto più spazio. Questo tipo di aiuto si rivela ben presto deleterio perché non farà che rafforzare la dipendenza dell’altro, per la paura di perderlo, per legarlo a sé per sempre.

 

Tamara de Lempicka, La dormeuse (1932)

 

 Le persone che soffrono di dipendenza affettiva sono portatrici di un profondo senso di inadeguatezza, sono convinte che per ricevere amore si debba sempre essere eccessivamente brave, affabili, pronte a sacrificarsi per l’altra persona, anche quando questo significa farsi del male.

Spesso, anche se non necessariamente, il partner di una persona con dipendenza affettiva ha la caratteristica di sembrare irraggiungibile: più queste persone vengono rifiutate, più la loro dipendenza si accresce. Alla base di questo meccanismo che può sembrare assurdo, vi è la ‘presunzione di farcela’, l’apparente certezza che si riesca a fare in modo che la persona irraggiungibile diventi raggiungibile e che possa amare le persone dipendenti affettivamente esattamente nel modo in cui queste pretendono di essere amate.
Dalla letteratura risulta che, delle persone dipendenti affettivamente, il 99% sono di sesso femminile (Miller, 1994). Non vi è una fascia d’età “tipicamente dipendente”, infatti la dipendenza sembra essere una caratteristica di personalità per lo più trasversale: dalle post-adolescenti, fino alle donne adulte con figli.
Un dato altrettanto interessante è quello costituito dal fatto che la dipendenza affettiva sembra essere tendenzialmente associata al Disturbo Post-traumatico da Stress (DPTS), dunque si osserva in genere questa forma di dipendenza in persone che hanno subito maltrattamenti o abusi. Tale dato invita a riflettere sul fatto che vi possa essere una plausibile consequenzialità tra i due aspetti e che eventi disturbanti e traumatici possano essere responsabili dello sviluppo di dipendenza affettiva. A questo proposito, Norwood (1985) suggerisce che persone che hanno sviluppato dipendenza affettiva sono accomunate dal fatto di essere cresciute in famiglie con caratteristiche peculiari: al di là degli specifici problemi presenti in tali famiglie, appare chiaro che adulti dipendenti affettivamente sono stati bambini sminuiti nella loro capacità di comprensione dei bisogni e sentimenti propri e altrui, che hanno avuto difficoltà nella gestione dei rapporti interpersonali. Questi elementi condurranno inevitabilmente queste persone a cadere nelle pericolose trappole della dipendenza affettiva.

 



BIBLIOGRAFIA

Gabbard O.G. (1995) Psichiatria psicodinamica, Raffaello Cortina Editore, Milano
Lingiardi V. (2005) "Personalità dipendente e dipendenza relazionale" In: V. Caretti e D.La Barber, a cura di, Le dipendenze patologiche, Raffaello Cortina Editore, Milano.
Miller D. (1994) Donne che si fanno male, Feltrinelli, Milano.
Norwood R. (1985) Donne che amano troppo, 1985, Feltrinelli, Milano.

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito