Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Attualità

Come non incappare nei finti psicologi: l’albo online.

 

Dott.ssa Alessandra Paladino

Dott.ssa Giorgia Aloisio

Dott.ssa Silvia Ferretti

 

Quante volte ci è capitato di incappare in esperti di ‘qualche cosa’ che poi, nella pratica, si sono rivelati piuttosto degli inesperti della materia? Quanto spesso ci accorgiamo che, di tante ciambelle col buco, una è uscita dal forno menomata? Un nastro bruciato dal ferro da stiro della nostra tintoria di fiducia, uno scontrino che riportava un prezzo errato – di solito il prezzo originario era inferiore a quello stampato, almeno in Italia - … una bottiglia di latte già scaduto e via dicendo. Capita non di rado di riscontrare anomalie piu' o meno volute. Quando però si tratta di salute, non possiamo permetterci alcuna leggerezza o disattenzione: la salute è sacra. Purtroppo non è così che la pensano quei nefandi sedicenti professionisti che, dopo anni di disonorevole carriera, sono stati smascherati: non avevano alcun tipo di specializzazione, addirittura non erano laureati o avevano a malapena il diploma di scuola.

 

 

Personaggi iniqui, purtroppo, ne stiamo constatando anche nella nostra disciplina psicologica: è notizia recente, quella che smaschera l’ennesimo buffone che da anni giocava con persone affette da gravi disturbi psichiatrici fingendosi psicologo e psicoterapeuta. Era un counselor con aspirazioni da psicoterapeuta e non ne faceva mistero: anzi, ne ha fatto una vera e propria professione. Formulava diagnosi, praticava l’ipnosi, magari leggeva pure i fondi del caffè e sapeva camminare sui carboni ardenti, insomma, faceva finta di essere uno psicologo specializzato in psicoterapia: come quando, da bambini, giocavamo al fruttivendolo o alla fioraia. Il soggetto in questione seguiva più di quaranta pazienti, tra schizofrenici, depressi e quant’altro: per intristirvi ulteriormente, se ne avete voglia, potete leggere la notizia a questo link.  

 

 

Prendendo spunto da questo drammatico episodio, proponiamo alcune riflessioni.
Quando una persona si rivolge ad uno specialista della salute mentale, lo fa perché sta vivendo un momento critico, nel quale è difficile, se non impossibile, essere lucidi e ben orientati; chiedere una consulenza psicologica, a volte, può rappresentare un ostacolo difficile da superare, anche perche' questa disciplina, in Italia, è ancora oggetto di pregiudizio e vittima della disinformazione. Una volta superato questo blocco e raggiunto lo specialista, carico di un disagio impossibile da tollerare ulteriormente, l’individuo si appoggia al terapeuta che ha incontrato: è difficile che, in un momento così delicato, il paziente si metta a far ricerche sulla veridicita' di carriera, titoli, percorsi accademici e articoli scientifici del professionista che ha consultato. A volte, questi truffatori, affiggono ai muri del loro studio diplomi realizzati comodamente a casa, con un banale programmino di grafica. Eppure, basta così poco per verificare l’attendibilità di quanto dichiarato dallo specialista: si tratta di un gesto semplice ma fondamentale, assolutamente protettivo nei nostri confronti e che ...senza dubbio meritiamo.
Tutti gli psicologi italiani sono ‘schedati’! I loro nominativi sono inseriti in un unico elenco costantemente aggiornato e facilmente raggiungibile da chiunque abbia accesso ad internet: basta consultare il sito del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP) alla seguente pagina:

https://areariservata.psy.it/cgi-bin/areariservata/albo_nazionale.cgi

Inserite cognome, nome e regione di riferimento dello psicologo et … voilà! Il gioco è fatto: otterrete conferma dei dati inseriti, sezione dell’albo in cui lo specialista è iscritto (sezione A per gli psicologi con laurea specialistica, sezione B per quella triennale) e data dell’ultimo aggiornamento. Se poi volete sapere se lo psicologo è abilitato all’esercizio della psicoterapia (legato alla frequenza di una scuola quadriennale o quinquennale e al superamento dell’esame finale), basterà consultare l’albo della regione alla quale appartiene lo specialista. Verificare questi dati è davvero banale, ma non tutti lo sanno. Diffondiamo queste cruciali informazioni: in questo modo, non permetteremo a Mago Merlino o alla Sig.ra Nessuno di occuparsi della nostra salute psicologica.

 

 

LINK UTILI:

- Ordine Nazionale Psicologi 

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito