Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Attualità

Secondo appuntamento con la professione psicologica. Psicologo dello sport: gli atleti e le loro paure.

Dott.ssa Giorgia Aloisio

 

Lo sport, agonistico e non, oltre all’aspetto prettamente corporeo, fisiologico, ha un lato squisitamente psicologico: tenacia, assetto motivazionale, prestazione, percezione del proprio corpo, costanza negli allenamenti, desiderio di ‘superare certi limiti’, gestione dello stress e pressione delle aspettative, rituali scaramantici prima della competizione, sono solo alcuni dei numerosissimi elementi che molto hanno a che fare con la mente dell’individuo e la sua relazione con la fisicità, propria e altrui.

 

 

Se poi pensiamo agli sport di squadra, entrano in gioco anche le dinamiche gruppali, non sempre di facile gestione: rivalità tra compagni della stessa squadra, competizione con gli avversari, funzionamento della squadra come gruppo, … solo per citare alcuni semplici ma efficaci esempi di equilibri squisitamente psicologici che contano quanto le prestazioni fisiche se non, a volte, anche di più: è quanto sostiene anche Daniele Popolizio, mental coach di alcune tra le nostre glorie sportive quali, per esempio, Federica Pellegrini e Carolina Kostner. In base all’opinione di questo preparatore sportivo, per vincere una competizione è indispensabile partire ‘dalla testa’: la preparazione mentale rappresenta il vero elemento vincente in grado di incidere in maniera significativa sulle prestazioni degli atleti. A quanto risulta dalla ricerca, è stato dimostrato che il 70% dell’esito di una gara sportiva dipende esclusivamente da fattori ‘psi’. Quando un atleta si allena, è importante che questi sia in grado di concentrarsi mentalmente e completamente sulla propria prestazione sportiva, cercando di dare il meglio di sé, esprimere e canalizzare le proprie potenzialità nel modo più efficace.

 

  

Federica Pellegrini durante una gara.

 

A volte, se pensiamo agli atleti più noti e famosi può ‘capitare’ di non ricordare che anche loro, nonostante la celebrità e l’indiscussa eccellenza, sono persone come noi e proprio per questo motivo, nonostante le vittorie, nutrono paure e si scontrano con debolezze del tutto umane, comprensibili e condivise. Ci potrà sembrare forse insolito, strano, bizzarro, ma anche atleti di chiara fama, di fronte alle difficoltà sportive, in alcune fasi della loro vita, sono preda di attimi di panico incontrollabili: è successo a molti sportivi e i mass media non ne hanno certo fatto mistero. Campionesse mondiali come Martina Grimaldi o la stessa pluripremiata Federica Pellegrini hanno sperimentato sulla loro stessa pelle momenti di angoscia, e questo è accaduto persino in acqua, proprio in quell’elemento che una nuotatrice dovrebbe trovare familiare e consono alla propria persona: eppure, la mente, in determinati momenti, può giocare questi ‘scherzi’ e compromettere in modo significativo persino il risultato di un’importante competizione. Queste paure dei nostri eroi sportivi, naturalmente, ci dispiacciono ma, allo stesso tempo, ci fanno tirare un sospiro di sollievo: non siamo gli unici a soffrire a causa delle nostre paure e a lottare affinché non prendano il sopravvento! 

 

 

A proposito di lotte... Una scena da Braveheart, di e con Mel Gibson (1995).

 

Ed è proprio in questo ambito che entra in gioco il coach sportivo, figura professionale in grado di sostenere e spronare gli sportivi, venire loro in soccorso quando è necessario, pianificare interventi mirati o preventivi.

 

 LO SPECIALISTA IN AMBITO SPORTIVO


Per diventare specialista in questo ambito è necessaria una laurea quinquennale in psicologia o in medicina con relativa iscrizione all’albo professionale di competenza: inoltre, è necessario possedere un master in coaching. Tra i compiti valutativi del coach ci sono l’assessment della personalità dell’atleta e della sua sfera emotiva, della capacità di resistenza allo stress, della conoscenza e applicazione di tecniche di rilassamento (esempio: training autogeno, biofeedback); il coach deve inoltre essere in grado di riabilitare uno sportivo a seguito di un infortunio, seguirlo in condizioni morbose (acute o croniche), diagnosticare l’eventuale presenza di disturbi di alimentazione, sonno e/o abuso di sostanze, promuovere i principi etici nello svolgimento e programmazione di attività sportive. La/il coach si occupa del singolo ma anche del gruppo sportivo, in quanto facilita la comunicazione, la cooperazione, il senso di appartenenza dei vari membri alla squadra e ricorda le finalità comuni, interviene a livello di organizzazione manageriale, è in grado di integrare approcci tra discipline differenti (fisiologia, psicofisiologia, psicologia cognitiva, psicologia sociale, …). Questa figura può lavorare all’interno di palestre, centri sportivi, federazioni, strutture alberghiere o psicopedagogiche, enti pubblici o privati, università.

 

Fonte: www.psy.it 

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito