Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Attualità

Disturbi Alimentari: si ammalano sempre più adolescenti!

Dott.ssa Alessandra Paladino

 

La Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza (SIMA) delinea un quadro davvero allarmante: “due milioni di adolescenti italiani soffrono di disturbi del comportamento alimentare (DCA)”.  Questo è il risultato dell’incontro nazionale che si è tenuto a Bologna nei primi giorni di questo mese. Inoltre, da una ricerca dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è emerso che le patologie di tipo anoressico e bulimico rappresentano la seconda causa di morte tra gli adolescenti, dopo gli incidenti stradali.


Dagli studi di quest’ ultimo anno è emerso come si sia abbassata notevolmente l’età di insorgenza dei problemi del comportamento alimentare: nel 40% dei casi si manifestano tra i 15 e i 19 anni ma sempre più spesso i sintomi sembrano comparire già tra gli 8 e i 12 anni. A soffrirne sono soprattutto le ragazze ma anche il numero di ragazzi affetto da tale disturbo è in aumento. Insomma: sempre più adolescenti si ammalano di disturbi del comportamento alimentare.
Indipendentemente dal sesso, in questi ragazzi si può osservare una crescente ed esagerata preoccupazione per il cibo, ossessione per il proprio peso che spesso porta a diete estreme, dispercezione corporea, eccessiva attenzione al proprio corpo, esagerata ed incontrollata attività fisica. A questi comportamenti si aggiungono poi repentini cambiamenti emotivi, irritabilità, tristezza, sentimenti di colpa e di vergogna, ipersensibilità verso qualsiasi tipo di critica, ritiro sociale e relativo isolamento. I disturbi del comportamento alimentare o disturbi alimentari psicogeni (DAP) comprendono l’anoressia nervosa, la bulimia, il binge eating (disturbo da alimentazione incontrollato) e l’obesità.


Il fattore psicologico è determinante rispetto all’eziologia di questi disturbi ma anche i fattori biologici e sociali sembrano pesare notevolmente. Non si può infatti trascurare l’influenza dell’attuale società, esageratamente centrata sull’apparire, sulla forma fisica e su modelli corporei irreali.

 


Tale fenomeno clinico è sottostimato, si tende a sottovalutare l’alto rischio di recidiva e la conseguente cronicizzazione del disturbo. Sono pertanto sempre più necessari interventi di prevenzione e di diagnosi precoce tesi a sensibilizzare i più giovani ad una sana alimentazione e ad uno stile alimentare corretto. Al momento, questo sembrerebbe essere l’unico modo per arrestare il vertiginoso incremento della percentuale di giovani affetti da disturbi del comportamento alimentare.

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito