Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Arte

Paola Pivi e la magia dei suoi animali.

 

Dott.ssa Giorgia Aloisio

 

Ho conosciuto l’arte di Paola Pivi proprio un anno fa quando, per caso (e non si tratta mai di un caso), ho visitato la National Gallery of Victoria di Melbourne. In quell’occasione, appena entrata, mi sono imbattuta in una delle sue installazioni: un gruppo di giganteschi, coloratissimi orsi che sembravano passeggiare come indisturbati nella grande hall di quella struttura. Come era ovvio, ho immediatamente stretto amicizia con quegli adorabili animaloni, che fin da subito ispirano simpatia anche perché ritratti in posizioni buffe, insolite e curiose. Sono animali irresistibilmente attraenti e non ero l'unica a pensarla così, visto che praticamente tutti i visitatori della galleria, a turno, si mettevano in posa vicino ai multicromatici bestioni pur di averne un ricordo iconico, anche solo nel cellulare; quegli orsoni erano belli da guardare da diverse angolazioni, da vicino ma anche dai balconi dei vari piani della galleria. Ripeto, quegli orsi erano magicamente attraenti; forse un filo barocchi e istrionici, ma davvero una magnetica epifania.

 

Io con gli orsi di Paola Pivi (Dancing bears, Melbourne, 2014)

 

Gli orsi, come ha dichiarato la stessa Pivi, sono i 'custodi' della nazione nella quale ha vissuto fino a non molti mesi fa, l’Alaska, terra molto amata dall’artista milanese in quanto priva di qualsiasi forma d’arte e ignara dell’esistenza del lusso (dichiarazione tratta da questo articolo pubblicato su La Stampa). Dopo alcune incursioni nel mondo universitario (ingegneria chimica e nucleare) e in seguito agli studi presso l’Accademia di Brera, nel 1999 Paola Pivi si è aggiudicata il Leone d’oro alla Biennale di Venezia grazie alle sue fantastiche zebre sui ghiacciai del Monte Bianco. Artista poliedrica e multimediale, ha vissuto, oltre che ad Anchorage, a Shangai, Filicudi, Alicudi, Londra e ora abita in India con il marito, musicista di origini tibetane e con il figlio adottivo. Gli animali sono spesso i soggetti principali delle sue installazioni artistiche, basti dare uno sguardo alle immagini sottostanti. Vi lascio a queste fotografie che sanno trasmettere molto più di tante chiacchiere e vi segnalo il suo sito: http://www.paolapivi.com/ 

 

 

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito