Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Arte

Lucian Freud, nipote della psicoanalisi, pittore della quotidianità

Dott.ssa Giorgia Aloisio

@ Giorgia Aloisio

 

Ha dipinto fino all’ultimo giorno della sua vita quando è scomparso nel suo appartamento di Londra dopo una breve malattia: «Voglio che la pittura sia carne», affermava. Ed è proprio questo il realismo che ritroviamo nelle opere di Lucian Freud: ritratti di donne e uomini veri, volti e corpi nudi che lo hanno reso celebre in tutto il mondo.

 

Kate Moss e Lucian Freud

 

Due matrimoni finiti con due divorzi e la bellezza di una quarantina di figli, tra legittimi e non; nel 2003 ha ritratto Kate Moss nuda e in dolce attesa. Alcuni tra i suoi quadri più celebri sono stati venduti alle aste di Christie’s.

 

Un'immagine del pittore


Kate Moss e Lucian Freud.
Lucian era nipote del più celebre Sigmund, padre della psicoanalisi. Nato a Berlino nel 1922, all’età di 11 anni emigrò con la famiglia a Londra per sfuggire al regime nazista. Da quel momento in poi la sua vita si svolse completamente nel Regno Unito, dove morì il 21 luglio del 2011.


Le immagini che contraddistinguono la sua arte sono decisamente crude, a base di istinto e senza sconti, a volte choccanti e grottesche, in linea con la pittura dell’irlandese Francis Bacon. Una carne mostrata in tutto il suo realismo, flaccida, cadente, repellente e oversize: un modo di ritrarre che spoglia l’individuo dei suoi orpelli e lo mostra così com’è, palesando il Sé più profondo e vero, senza indugi.

 


Un lavoro psicologico simile a quello precedentemente ideato da Sigmund Freud con il quale non poteva che esserci una profonda sintonia di sensibilità e di intenti: l’inconscio colto da Sigmund attraverso una maieutica socratica, tramite un dialogo inconscio empatico tra paziente e psicoanalista e l’inconscio dipinto da Lucian e che ritroviamo esternalizzato, quasi ostentato, sui corpi inermi, goffi e sgraziati che il pittore amava dipingere. Lucian ha spogliato di maschere e vestiti i suoi ritratti, riportandoli alla realtà e alla più vera quotidianità.

 

Una sua fotografia da giovane.

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito