Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"

Benvenuto su nonsolopsicologia.it

Psico Arte

PSICOFILM: Smetto quando voglio …la triste realtà dei giovani italiani!!!!

Dott.ssa Alessandra Paladino

 

Un film di Sydney Sibilia con Edoardo Leo, Valeria Solarino, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero de Rienzo, Stefano Fresi, Lorenzo Lavia, Pietro Sermonti, Neri Marcorè.

 


 

La Roma dei nostri tempi e un giovane ricercatore universitario a cui viene negato il rinnovo dell'assegno di ricerca: Pietro Zinni ha 37 anni, una casa da pagare, bollette da saldare e una fidanzata da soddisfare. Ha molti amici, tutti travolti dallo stesso destino: accademici finiti per strada.
Pietro non riesce ad accettare la sua nuova condizione e non intende umiliarsi come hanno fatto i suoi amici. È a questo punto che si ingegna e scopre una possibilità ai limiti della legalità: sintetizzare una nuova sostanza stupefacente.
Lo scopo è fare i soldi e vedersi restituita un briciolo di dignità …anche se non sarà proprio così!!! Ad un certo punto la realtà prende il sopravvento e la banda dei cervelloni si ritrova non solo senza lavoro e senza soldi ma anche a dover fare i conti con la legge.
Sydney Sibilia, l’esordiente regista salernitano, con Smetto quando voglio, fotografa una condizione sociale diffusa: il precariato d'eccellenza!!! Sceglie un genere che è la commedia perché vuole divertire il pubblico ma allo stesso tempo riesce a dipingere uno spaccato drammatico dell’Italia contemporanea e pertanto regala “amare risate”.
Il film mette in evidenza il tema del vuoto d'identità che accomuna i giovani e che vede un’intera generazione rincorrere il proprio destino tra il desiderio di realizzazione e la delusione per le continue frustrazioni.
I protagonisti, oltre Pietro Zinni, sono per l’appunto un gruppo di accademici costretti a ripiegare su tutt’altro per sopravvivere. Ci sono due eccellenti latinisti che pur di guadagnare fanno i benzinai per un cingalese; un economista che si spaccia innamorato di una circense per raccattare vitto e alloggio; un antropologo che disperato va a cercare lavoro da uno sfasciacarrozze; un archeologo che lavora gratis per amore della cultura e un chimico che fa il lavapiatti in un ristorante cinese.

 


Questo quadro è alquanto esemplificativo e riproduce fedelmente la cruda realtà della nostra società.
Tra le presentazioni dei vari personaggi mi colpisce particolarmente la scena del colloquio di lavoro di Andrea l’antropologo. Pur di essere assunto dallo sfasciacarrozze si spaccia per “uomo di strada”, sia nell’abbigliamento che nell’atteggiamento, per poi perdere credibilità a causa di una erudita espressione, retaggio della sua formazione accademica. A questo punto svanisce la possibilità di essere assunto perché laureato. Insomma: viene tradito dal suo stesso curriculum. È troppo qualificato per quel lavoro!!!
Quanto appena descritto non è lontano da quello che accade nella nostra società. Troppi giovani laureati e specializzati provano a ripiegare su lavori diversi da quelli per cui si sono formati. Spesso sono costretti ad omettere le proprie competenze con la speranza di ottenere un posto di lavoro per cui laurea, master, dottorato e specializzazione sono superflui. Questo è un paradosso fondato!

 

“…Si è vero, sono laureato, ma è un errore di gioventù del quale sono profondamente consapevole!”


Nel film come nella realtà si narra di un mondo accademico che garantisce poche soddisfazioni e altrettanti scarsi guadagni, demotivando i giovani allo studio e spingendoli alla ricerca di soddisfazioni più frivole e veloci. Si palesa la voglia di rivalsa per una vita trascorsa inutilmente sui libri, l’umiliazione di non potersi permettere di avere una propria famiglia e di poterla mantenere e la frustrazione di vedersi intrappolato in un sistema in cui la meritocrazia è utopia.
Smetto quando voglio finisce per essere una fedele descrizione del mondo reale. Anche se alla fine del film si evidenzia la consapevolezza che il sapere è un arma fortissima il pubblico non potrà non cogliere l’amarezza per quella che è la narrazione della realtà di un’intera generazione di giovani disoccupati.

 

FaceBook  Twitter  

Archivio

Powered by mod LCA

Cerca nel sito